SPEDIZIONE GRATUITA sopra i 99 € in tutta Italia
ASSISTENZA: 045 7145 546
ASSISTENZA: 045 7145 546

Antirumore

I dispositivi antirumore sono essenziali per difendere l’udito da rumori forti e pericolosi che potrebbero causare danni permanenti.

Per proteggere l’udito durante l’attività lavorativa si devono utilizzare i DPI (dispositivi di protezione individuale) di seconda categoria, secondo la normativa europea 89/686/CEE.

Lo scopo dei dispositivi antirumore è quello di diminuire i rumori rischiosi per il lavoratore, senza impedirgli di udire avvisi di emergenza.

Le 2 tipologie di DPI antirumore sono el cuffie, ad alta protezione e durata elevata, e gli inserti, pratici e meno ingombranti delle cuffie. Offrono protezione minore e si suddividono in monouso e riutilizzabili. Scopri i migliori sul nostro shop!

[Guida] Come scegliere le giuste cuffie antirumore

  

Visualizzazione di 10 risultati

Come scegliere le cuffie antirumore

La scelta delle cuffie antirumore deve essere fatta in base all’intensità del rumore di cui prevenire i danni. È quindi necessario fare prima una misurazione del rumore sul luogo di lavoro, aperto o chiuso che sia.

La misurazione del suono viene effettuata tramite uno strumento in grado di calcolare i dB, ovvero la pressione delle onde sonore, per efinisce il livello di intensità sonora in relazione alla maggiore sensibilità dell’orecchio umano alle basse frequenze.

L’esatta valutazione del rischio rumore permette di aiutare nella scelta delle giuste cuffie.

I tappi auricolari monouso in schiuma di poliuretano o polimero espanso di PVC e le cuffie antirumore attenuano i suoni (differenza tra intensità del rumore a cui è esposto l’operatore e quello effettivamente trasmesso all’orecchio).

Qui entrano di nuovo in gioco i Decibel. Se il rumore effettivo all’orecchio è:

  • >85 dB, la protezione è insufficiente
  • tra 80-85 dB la protezione è accettabile
  • tra 75-80 dB la protezione è buona
  • tra 70-75 dB la protezione è alta
  • <70 db la protezione è troppo alta.